Data: 20 Luglio 2020

Titolo: Om Namah Shivaya

Autore: Dorotea

Rubrica: Spiritualità

Nella religione induista, “Om Namah Shivaya” è uno dei mantra più celebri e recitati; é il mantra shivaita per eccellenza. Questa formula sacra in lingua sanscrita ha diversi significati; si appella al Dio Shiva, un aspetto di Isvara cioè l’aspetto personale di Dio, e può essere tradotta come “Signore, sia fatta la Tua volontà”, oppure “Mi arrendo a Te, Dio”.

È considerato uno dei mantra più completi e potenti. La sacra sillaba Om o Aum è il suono primordiale ed è considerato il mantra per eccellenza. Viene usato come sillaba iniziale dei mantra induisti per potenziarne gli effetti benefici. Namah, invece, significa “arrendersi” o “abbandonarsi” e indica l’atteggiamento di resa totale del devoto alla Divina Volontà.

Shivaya è un termine usato in molti mantra e bhajan. Shiva è la terza Persona della Trimurti, il triplice aspetto del Divino: creazione, preservazione e dissoluzione ovvero: Brahma, Visnu e Shiva che per gli occidentali sono come la Trinità (il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo). All’interno della Trimurti, Shiva si distingue per essere il distruttore del falso, dell’ignoranza, dell’ego, delle cattive tendenze. Il suffisso -ya della parola Shivaya in sanscrito significa “a te”.