Data: 09 Giugno 2020

Titolo: Il ciclo delle stagioni, la Ruota dell’Anno Celtico

Autore: Dorotea

Rubrica: Spiritualità

Le Otto Feste dell’Anno Celtico, dette Sabba, corrispondono a momenti astronomici che dividono il ciclo annuale in quattro parti quasi uguali con i Sabba Minori e i Sabba Maggiori, momenti di venerazione, potere e festa.

Yule e Litha corrispondono ai due solstizi (feste del Sole), e Ostara e Mabon ai due equinozi (feste della Luna), sono chiamati Sabba Minori. Queste quattro feste si celebrano quando il Sole è a 0 gradi di ognuno dei segni cardinali (Capricorno e Granchio, Ariete e Bilancia).

Le altre quattro feste: Imbolc, Beltane, Lughnasadh e Samhain, sono dette Sabba Maggiori e si celebrano quando il sole si trova nel 15° grado dei quattro segni fissi (Acquario, Toro, Leone, Scorpione).

I Sabba celebrano la natura e il suo perenne ciclo e quindi ogni festività mette in luce l’incessante dinamismo fra principio maschile (il Dio) e femminile (la Dea) e le vicende e i miti legati alle divinità; questo è presente praticamente ovunque in natura. Celebrare queste feste significa celebrare il ciclo delle stagioni in un preciso momento dell’anno, risvegliando i movimenti interiori ed esteriori in concomitanza con le vicende celesti, ma anche quelle personali e collettive. In ogni celebrazione non vi è più separazione, poiché tutto è percepito come parte di un’unica cosa (o Cosa Unica), immersi nello stesso “mistero” dell’esistenza. Ogni festività ha il proprio significato, un tema centrale che si propone la trasformazione, rinascita e rinnovamento attraverso una vera e propria cerimonia, con preciso significato, colori, rituali, oggetti, parole. Una cerimonia in cui si celebra la potenza, il ciclo della natura tutta, niente e nessuno escluso. Questi sabba ci ricordano e riportano alla fonte di ogni cosa, alla percezione e la comprensione di dinamiche ed energie che dovremmo essere naturalmente portati ad osservare, contemplare, vivere dentro e fuori, costantemente. Il ciclo normale e naturale della vita, dell’esistenza, della natura.

Vediamo il nome, il tema dominante e le date (affidatevi anche alle effemeridi) di ogni sabba:

SAMHAIN (Halloween o Capodanno Celtico)
tema: gli spiriti dei defunti, la chiusura dell’anno, il capodanno (celtico), la meditazione sull’aldilà e sulla propria famiglia fisica e spirituale; i veli tra il nostro mondo e quello degli spiriti sono davvero sottili e le energie al massimo.
data: notte fra il 31 ottobre e 1 novembre, l’inizio del periodo invernale
festività cristiana: Ognissanti (1 novembre) e Commemorazione dei Defunti (2 novembre).

YULE  (Solstizio d’Inverno)
tema: nascita del sole e della luce, morte del vecchio Sole e nascita/ritorno del nuovo Sole bambino,  i sempreverdi e la continuità, la dea partoriente, la notte più lunga dell’anno, la più buia. Buttare via, tagliare, fare spazio, bruciare le cose vecchie e rinsecchite. Il seme nel grembo della Terra.
data: 21 dicembre, inverno
festività cristiana: Natale (25 dicembre).

IMBOLC  (Candelora, Imbolg, Imbolic, Oimelc, Brigid, Bride)
tema: luce rinascente, purificazione in vista del nuovo inizio. Gemme, germogli. Consacrazione e benedizione delle candele.
data: 2 febbraio, inizio del risveglio della primavera
festività cristiana: Festa della Purificazione della Vergine Maria.

OSTARA (Equinozio di Primavera, Festa dei Fiori, Eostre, Eostar) 
tema: creatività, fertilità, energia creatrice, fiori, nuova vita, uovo, coniglio, la dea fanciulla Eostre, la natura si risveglia partono nuovi progetti, energie e possibilità, rinascita e realizzazione. Equilibrio perfetto degli opposti. Colori pastello.
data: tra il 20 e il 23 marzo, primavera
festività cristiana: Pasqua (in inglese: Easter).

BELTANE (Calendimaggio, Rodmas, Floralia, Valpurga, Beltaine) 
tema: giovinezza, pienezza, sacre nozze, rigoglio, abbondanza, fertilità, amore e unione tra maschile e femminile, natura feconda, risveglio alla vita dopo la morte. Corteggiamento, matrimonio, albero di maggio e danze intorno al falò, banchetti, attrazione, sessualità, benedizione, purificazione, divinazione.
data: notte tra il 30 aprile e il 1 maggio e festeggiamenti per tutto maggio, inizio del periodo dell’estate
festività cristiana: Mese Mariano, Festa delle Rose e di Santa Rita (22 maggio).

LITHA (Solstizio d’Estate, Festa delle Erbe, Festa di Mezza Estate)
tema: la spiga, la rugiada, il primo raccolto, le 9 erbe, fuoco, falò, fiaccole, la pienezza l’abbondanza, ciò che è stato piantato comincia a dare i frutti, a compiersi. Matrimonio fra Cielo e Terra, Nozze tra Sole e Luna, il Sole vince e trionfa. Energia, abbondanza, sviluppo. Il Sole nel suo punto più alto, più vicino alla Terra, il massimo splendore.
data: dal 21 al 24 giugno (notte di San Giovanni Battista), estate
festività cristiana: San Giovanni, Santissima Trinità e Corpus Domini

LUGHNASADH (Lunasa, Lughnasa o Lammas)
tema: il secondo raccolto, il culmine del raccolto, abbondanza, produttività e prosperità, la meditazione e il ringraziamento, la preparazione alla stagione invernale.
data: notte tra il  31 luglio e il 1 agosto, ma anticamente era il 15 agosto (Ferragosto)
festività cristiana: Assunzione della Beata Vergine Maria (15 agosto).

MABON (Equinozio d’Autunno, Modron, Casa del Raccolto)
tema: l’uva, il terzo e ultimo raccolto, tempo di bilanci, la meditazione e il ringraziamento, la riflessione sul passato che prepara il futuro, gli spiriti benevoli. Si conclude un ciclo e si ritorna verso il buio, per un nuovo futuro inizio.
data: tra il 21 e il 23 settembre, autunno
festività cristiana: Santi Arcangeli 27 settembre, San Michele Arcangelo 29 settembre, esaltazione della Santa Croce.